Titolo V - ::: COMUNE DI NOVELLARA (RE) :::

In Comune | Statuto | Titolo V - ::: COMUNE DI NOVELLARA (RE) :::


ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

CAPO I
PRINCIPI E CRITERI FONDAMENTALI DI GESTIONE
Art. 65
Organizzazione degli uffici e dei servizi


1. L'attività della struttura organizzativa del Comune deve dare attuazione al principio di separazione tra i compiti di direzione politica e quelli di direzione amministrativa.
2. Gli organi di governo definiscono gli obiettivi ed i programmi da attuare e verificano la rispondenza dei risultati della gestione amministrativa alle direttive generali impartite.
3. La struttura amministrativa si articola in Settori ai quali sono preposti i Responsabili di Settore.
4. Ai Responsabili di Settore spetta la gestione finanziaria, tecnica e amministrativa, compresa l'adozione di tutti gli atti che impegnano l'Amministrazione verso l'esterno, mediante autonomi poteri di spesa, di organizzazione delle risorse umane e strumentali e finanziarie. Essi sono responsabili della gestione e dei relativi risultati. La gestione finanziaria resta comunque subordinata alla effettiva attribuzione ai Responsabili di Settore di specifici budget di spesa, da determinarsi annualmente con apposita deliberazione della Giunta Comunale.
5. Spettano, in particolare, ai Responsabili di Settore, la presidenza delle commissioni di gara e di concorso, la responsabilità sulle procedure di appalto e di concorso e stipulazione contratti, ivi comprese l'approvazione dei bandi di concorso e delle relative graduatorie di merito.
6. I Responsabili di Settore e di Servizio sono, parimenti, tenuti ad esprimere i pareri di cui all'art. 53 della legge n.142/1990 sulla proposta di deliberazione di loro pertinenza.
7. Gli Uffici ed i servizi comunali sono organizzati secondo criteri di autonomia, funzionalità ed economicità ed assumono quali obiettivi l'efficienza e l'efficacia dell'azione amministrativa per conseguire i più elevati livelli di produttività. Il personale agli stessi preposto opera con professionalità e responsabilità al servizio dei cittadini. Nell'attuazione di tali criteri e principi i responsabili di settore, coordinati dal Segretario Comunale o Direttore Generale se nominato, assicurano l'imparzialità ed il buon andamento dell'Amministrazione, promuovono la massima semplificazione dei procedimenti e dispongono l'impiego delle risorse con criteri di razionalità economica anche secondo criteri di mobilità interna e di interscambiabilità di funzioni.
8. Il Regolamento di organizzazione degli uffici e dei servizi fissa i criteri organizzativi, la dotazione organica complessiva, definisce le aree organizzative, le modalità di nomina da parte del Sindaco dei Responsabili di Settore e le modalità di assegnazione a questi ultimi, del personale per la successiva organizzazione strutturale e funzionale.
9. L'organizzazione del lavoro del personale comunale è impostata secondo le linee d'indirizzo espresse nel Regolamento di organizzazione. Persegue il costante avanzamento dei risultati riferiti alla qualità dei servizi e delle prestazioni, alla rapidità ed alla semplificazione degli interventi, al contenimento dei costi, all'estensione dell'area e dell'ambito temporale di fruizione da parte dei cittadini delle utilità sociali prodotte. L'Amministrazione assicura l'accrescimento della capacità operativa del personale attraverso programmi di formazione, aggiornamento ed arricchimento professionale, riferiti all'evoluzione delle tecniche di gestione e degli ordinamenti giuridici e finanziari.
10. Il Comune riconosce la libera organizzazione sindacale dei lavoratori comunali nell'ambito delle leggi vigenti e degli accordi sottoscritti. Per le scelte fondamentali che attengono all'organizzazione operativa dell'ente promuove consultazioni con le rappresentanze sindacali, nel rispetto di quanto disposto dai Decreti Legislativi in materia di privatizzazione del pubblico impiego.
11. Il dipendente è tenuto ad assolvere con correttezza e tempestività gli incarichi di competenza dei relativi uffici e servizi ed è direttamente responsabile degli atti compiuti nell'esercizio delle proprie funzioni. La responsabilità dei dipendenti comunali è determinata dal grado della loro autonomia decisionale ed operativa.

Art. 66
Unità di Staff


1. L'Unità di Staff è composta dai Responsabili di Settore e dal Responsabile del Servizio Personale e Organizzazione, che ne assume le funzioni di Segretario.
2. L'Unità di Staff è presieduta dal Segretario Comunale o Direttore Generale se nominato e coordina l'attuazione degli obiettivi del Comune.
3. La stessa, inoltre, studia e propone le semplificazioni procedurali e le innovazioni tecnologiche al fine di realizzare la costante evoluzione dell'organizzazione del lavoro, formulando le linee di intervento per l'attuazione della gestione.
4. L'Unità di Staff si riunisce, di norma, almeno una volta al mese.
5. L'ordine del giorno è partecipato al Sindaco per conoscenza, al quale va anche trasmesso il verbale conclusivo della riunione.

Art. 67
Conferenza di programma


1. La conferenza di programma formula le proposte di programmi e/o progetti che richiedano l'intervento di due o più settori.
2. È presieduta dal Segretario Comunale o Direttore Generale se nominato ed è composta dai responsabili interessati all'attuazione dei programmi e/o progetti.

Art. 68
Copertura dei posti di alta specializzazione


1. I posti di Responsabile di Settore, di qualifica dirigenziale o di alta specializzazione, possono essere coperti mediante contratto a tempo determinato di diritto pubblico od eccezionalmente e con delibera motivata, di diritto privato, fermi restando i requisiti richiesti per la qualifica da ricoprire. La durata del rapporto fiduciario è rapportata alle particolari esigenze che hanno motivato l'assunzione e non può comunque avere una scadenza che si protragga oltre un anno dalla scadenza del mandato, fatta salva la facoltà del Sindaco neoeletto di disporre diversamente.

Art. 69
Cumulo di impieghi e incarichi


1. L'autorizzazione all'esercizio di incarichi ai dipendenti comunali a favore di Pubbliche Amministrazioni, ovvero di società o persone fisiche che svolgano attività di impresa o commerciale, è disposta con determinazioni del Responsabile del Settore interessato, in conformità alle direttive emanate dal Sindaco.
2. La direttiva sindacale dovrà, all'uopo, contenere criteri oggettivi e predeterminati che tengano conto della specifica professionalità, tali da escludere casi di incompatibilità, sia di diritto che di fatto, nell'interesse del buon andamento dell'Amministrazione Comunale.
3. Qualora l'incarico riguardi i Responsabili di Settore, la relativa autorizzazione sarà disposta con determinazione del Segretario comunale o Direttore Generale se nominato.

Art. 70
Deleghe


1. I soggetti titolari di competenze possono esercitarle conferendo, in via generale o speciale, la delega, con le modalità e i limiti previsti dal Regolamento di Organizzazione.

CAPO II
SEGRETARIO COMUNALE E VICE SEGRETARIO
Art. 71
Il Segretario Comunale


1. Il Segretario comunale svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell'ente in ordine alla conformità dell'azione amministrativa alle leggi, allo statuto e ai regolamenti.
2. Il Segretario Comunale, nel rispetto delle direttive impartitegli dal Sindaco, dal quale dipende funzionalmente, sovraintende, con ruolo e compiti di alta direzione, all'esercizio delle funzioni dei responsabili di settore, dei quali coordina l'attività, assicurando l'unitarietà operativa dell'organizzazione comunale nel perseguimento degli indirizzi e delle direttive espresse dagli organi elettivi.
3. Il Segretario inoltre:
a) partecipa con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni del Consiglio e della Giunta e ne cura la verbalizzazione;
b) può rogare tutti i contratti nei quali l'ente è parte ed autenticare scritture private e atti unilaterali nell'interesse dell'ente.
c) vigila costantemente sui servizi istituzionalmente competenti alla specifica attuazione delle procedure e dei provvedimenti;
d) cura il regolare svolgimento delle procedure conseguenti all'assunzione di atti deliberativi da parte degli organi di governo affinché acquistino validità giuridica e perseguano i fini indicati.
4. Convoca e presiede l'unità di staff.
5. Decide sui conflitti di competenza insorti fra il personale.
6. Esercita, oltre a quelle previste dai precedenti commi e dalla legge, in particolare, le seguenti funzioni:
a) presiede, in alternativa ai Responsabili di Settore, le commissioni di concorso ed approva i bandi di concorso e le relative graduatorie di merito;
b) assicura, adottando i provvedimenti necessari, d'intesa con i Responsabili di Settore, l'applicazione da parte degli Uffici e servizi delle norme sul procedimento amministrativo;
c) adotta, d'intesa con i Responsabili di Settore, i provvedimenti organizzativi per garantire il diritto di accesso dei Consiglieri e dei Cittadini agli atti ed alle informazioni;

7. Il Segretario Comunale, per l'esercizio delle sue funzioni, si avvale della struttura, dei servizi e del personale comunale.

Art. 72
Il Vice Segretario


1. Il Vice Segretario coadiuva il Segretario Comunale nell'esercizio delle sue funzioni.
2. Oltre alle funzioni di collaborazione e ausilio del Segretario, il Vice Segretario lo sostituisce in caso di assenza, impedimento o vacanza.
3. Può, inoltre, essere responsabile di una delle massime strutture dell'Ente.
4. Il Regolamento di organizzazione disciplina le attribuzioni, le responsabilità e le modalità di copertura del posto.

CAPO III
DIRETTORE GENERALE

Art. 73
Il Direttore Generale


1. Il Sindaco, previa delibera della giunta comunale, può nominare un direttore generale, al di fuori della dotazione organica e con un contratto a tempo determinato, secondo i criteri stabiliti dal regolamento di organizzazione, dopo aver stipulato apposita convenzione tra comuni le cui popolazioni assommate raggiungano i 15 mila abitanti.
2. In tal caso il Direttore Generale dovrà provvedere alla gestione coordinata o unitaria dei servizi tra i Comuni interessati.
3. Resta ferma la facoltà del Sindaco di attribuire in alternativa la funzione di Direttore Generale al Segretario Comunale.

Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (1430 valutazioni)