Salta al contenuto

Richiesta di Accesso agli Atti

Diritto di prendere visione ed estrarre copia di documenti amministrativi ai sensi della Legge n. 241/1990.

L’accesso agli atti è il diritto di prendere visione ed estrarre copia di documenti amministrativi ai sensi della Legge n. 241/1990.
Lo possono esercitare tutti i soggetti privati, compresi quelli portatori di interessi pubblici o diffusi, che abbiano un interesse diretto, concreto e attuale collegato a una situazione che sia giuridicamente tutelata e connessa al documento oggetto di richiesta di accesso.
La domanda può esser presentata dal soggetto direttamente o da un suo delegato: legale rappresentante-difensore, procuratore, tutore. La delega, con copia fotostatica del documento di identità del delegante, deve essere allegata alla richiesta.

Accedere al servizio

Come si fa

Modalità di Attivazione:
A domanda

Cosa serve

Requisiti Richiesti:

  • Dati indispensabili di riferimento (n. del titolo abilitativo o titolare della richiesta, precedenti proprietari e/o rogiti)
  • Delega del proprietario
  • Dati catastali dell'immobile

Costi e vincoli

Costi

Eventuali diritti di ricerca sommati al costo di fotocopie in caso di rilascio copie + eventuali bolli e diritti per rilascio autentiche

Tempi e scadenze

Richiesta evasa entro i 30 giorni previsti da legge; Tempi di Front: da 30 minuti a 3 ore in base al numero delle pratiche e alla quantità del materiale trovato

Casi particolari

In base all'art. 9-bis, comma 1 bis, del DPR 380/2001, il quale recita: «Lo stato legittimo dell'immobile o dell'unità immobiliare è quello stabilito dal titolo abilitativo che ne ha previsto la costruzione o che ne ha legittimato la stessa e da quello che ha disciplinato l'ultimo intervento edilizio che ha interessato l'intero immobile o unità immobiliare, integrati con gli eventuali titoli successivi che hanno abilitato interventi parziali. Per gli immobili realizzati in un'epoca nella quale non era obbligatorio acquisire il titolo abilitativo edilizio, lo stato legittimo è quello desumibile dalle informazioni catastali di primo impianto, o da altri documenti probanti, quali le riprese fotografiche, gli estratti cartografici, i documenti d'archivio, o altro atto, pubblico o privato, di cui sia dimostrata la provenienza, e dal titolo abilitativo che ha disciplinato l'ultimo intervento edilizio che ha interessato l'intero immobile o unità immobiliare, integrati con gli eventuali titoli successivi che hanno abilitato interventi parziali. Le disposizioni di cui al secondo periodo si applicano altresì nei casi in cui sussista un principio di prova del titolo abilitativo del quale, tuttavia, non sia disponibile copia»

Contatti

Servizio Segreteria S.U.E.

Ufficio preposto alle informazioni generali relative all'edilizia privata. Fa parte del 3°SETTORE - PIANIFICAZIONE TERRITORIALE E AMBIENTE.

Allegati

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

30-08-2022 17:08

Questa pagina ti è stata utile?