Salta al contenuto

Accordo separazione personale consensuale/cessazione effetti civili/scioglimento del matrimonio/modifica condizioni - presso l'Ufficiale dello Stato Civile (art.12 L.162/2014)

Argomenti
Famiglia

Descrizione del procedimento:
L’art. 12 del d.l. n. 132/2014, convertito in legge n. 162/2014 introduce nel nostro ordinamento una modalità del tutto innovativa per addivenire alla separazione, al divorzio o alla modifica delle condizioni di sparazione o divorzio. Si tratta di una procedura extragiudiziale che si svolge in ambito amministrativo di fronte all'ufficiale di stato civile che vede due protagonisti necessari: i coniugi ed un terzo protagonista facoltativo, l'avvocato. Sia la separazione consensuale che il divorzio si svolgono in due momenti. Nel primo incontro con l'Ufficiale di Stato Civile si firma l'accordo, con il secondo incontro, che non può avvenire prima di 30 giorni dall'accordo, si firma la conferma.

Con la nuova normativa, dopo la separazione consensuale, la cui decorrenza parte dalla data dell'accordo, sempre che sia stato concluso con la relativa conferma, se si vuole procedere al divorzio (scioglimento/cessazione degli effetti civili) devono trascorrere SEI MESI. 

Cos'è:
Un procedimento semplificato, introdotto dall'art. 12 della legge 162/2014, che può essere concluso anche dinnanzi al Sindaco quale Ufficiale dello Stato Civile del Comune di residenza di uno degli sposi o del Comune dove venne celebrato o trascritto il matrimonio, con l’assistenza, facoltativa, di un avvocato. Tale atto ha la stessa efficacia della sentenza di separazione e di divorzio dei giudici.
Una volta concluso l'accordo di separazione personale/scioglimento/cessazione degli effetti civili del matrimonio si può richiedere il certificato previsto dall'art. 39 del Regolamento CE n. 2201 del 2003 che permette di far riconoscere o fare eseguire l'atto contenente l'accordo in un altro Paese dell'Unione Europea.

A chi si rivolge

Chi può presentare

I coniugi in comune accordo presso il comune di attuale residenza dei coniugi (indifferentemente), oppure presso il comune ove è iscritto o trascritto l'atto di matrimonio.

Per Comune di ISCRIZIONE deve intendersi il Comune nel quale è stato celebrato il matrimonio civile con contestuale ISCRIZIONE del relativo atto.

Per Comune di TRASCRIZIONE il Comune in cui è stato celebrato il matrimonio concordato (o con altro rito religioso) davanti al Parroco (o altro ministro di culto), con successiva TRASCRIZIONE nei registri di stato civile.

Per Comune di TRASCRIZIONE si intende anche il Comune che ha trascritto l'atto di matrimonio celebrato all'estero.

Accedere al servizio

Come si fa

Modalità di Attivazione:
A domanda

Dove rivolgersi

Ufficio dello Stato Civile

Cosa serve

Requisiti Richiesti:
Tale procedimento semplificato si può chiedere solo se ricorrono le seguenti condizioni:
1. L’accordo deve essere consensuale;
2. Non devono esserci figli:
- minori;
- maggiorenni ma incapaci o portatori di handicap grave;
- maggiorenni economicamente non autosufficienti;
3. L’accordo può contenere patti di trasferimento patrimoniali, purché non produttivi di effetti traslativi di diritti reali. A tale proposito si rende noto che l'ufficio di Stato Civile non è competente a fornire assistenza e consulenza in merito ai suddetti patti.

Cosa occorre:
Sottoscrivere l’accordo nei modi e nei tempi concordati. Per dare validità all'accordo i coniugi devono ripresentarsi nuovamente davanti all'ufficio di stato civile (non prima di 30 giorni dalla redazione dell'atto) per confermarlo. La mancata comparizione dei coniugi a questo appuntamento rende invalido l'accordo.

Costi e vincoli

Costi

Delibera di G.C. 24/2015 (diritto fisso dell'importo pari al valore dell'imposta di bollo)

Ulteriori informazioni

Riferimenti legislativi (Normativa):
- D.L. 12 settembre 2014 n. 132 convertito con modificazioni dalla L. 10 novembre 2014 n. 162; - Delibera G.C. 24_2015 - L. 01/12/1970 n. 898 e successive modificazioni - Circolare n. 6/2015 - Circolare n. 19/2016 -Circolare 22 maggio 2018 Ministero della Giustizia - Legge 06/05/2015 n. 55

Ultimo aggiornamento

30-08-2022 17:08

Questa pagina ti è stata utile?