Salta al contenuto

Autorizzazione alla cremazione

Argomenti
Famiglia

A chi si rivolge

A tutti i congiunti di primo grado in assenza di coniuge ovvero dai parenti più prossimi di pari grado.
In caso di convivenza di fatto deve sussistere apposita designazione, resa in vita da de cuius.

Accedere al servizio

Come si fa

La legge individua tre modalità per dare corso alla volontà di cremazione:

- Affidare verbalmente la propria volontà di essere cremato al congiunto più prossimo (es. coniuge / unito civilmente) o designando espressamente e in forma scritta il proprio convivente di fatto.

- Lasciare indicazioni precise nelle disposizioni testamentarie, autenticate da un notaio.

- Essere iscritto ad una società di cremazione (es. Socrem) che curerà l’esecuzione della volontà dell’iscritto anche in caso di mancato consenso dei familiari.

Modalità di Attivazione:
A domanda e d'ufficio

Dove rivolgersi

L'autorizzazione alla cremazione viene rilasciata dal Responsabile del 2° SETTORE o suo delegato.

Cosa serve

  • Certificazione necroscopica;
  • Certificazione medica che escluda la morte per reato ovvero il Nulla Osta rilasciato dall'autorità giudiziaria;
  • Certificazione medica attestante che il defunto non era portatore di stimolatore elettrico cardiaco (pace-maker) o la certificazione dell'avvenuta asportazione dello stesso;
  • Dichiarazione sulle volontà del defunto ad essere cremato da parte dei familiari individuati ai sensi dell'art. 74 del Codice Civile
  • Eventuale testamento olografo del defunto sulla volontà di essere cremato pubblicato da un notaio
  • Eventuale attestazione di iscrizione alla SOCREM (oppure)
  • Eventuale attestazione di iscrizione alla IBISG (Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai).

Costi e vincoli

Costi

1 marca da bollo per la domanda 1 marca per l'autorizzazione
Le tariffe per la cremazione sono dettate da apposita normativa e consultabili presso le sedi dei forni crematori o tramite le imprese di onoranze funebri.

Tempi e scadenze

Dopo la visita necroscopica

Tempo di risposta: immediato

Ulteriori informazioni

Riferimenti legislativi (Normativa):
-- art. 74 e segg. del Codice Civile; -- Circolare Ministero della Sanità 24 giugno 1993, n. 24 - Regolamento di Polizia Mortuaria: circolare esplicativa; - DPR 03 novembre 2000, n. 396 – Regolamento per la revisione e la semplificazione dell’Ordinamento dello Stato Civile; - Legge 130/2001 - Legge Regionale Emilia-Romagna 29 luglio 2004, n. 19 - Disciplina in materia funeraria e di Polizia mortuaria; -Circolare Ministeri dell’Interno n,37 dell’1.9.2004 - Regolamento comunale di Polizia mortuaria 18 dicembre 2010, n. 99 - Legge 76 del 20.5.2016 - Legge 130/2016 art. 9 comma 3 - Ocdp n. 656 del 26 marzo 2020 e Ordinanza della Presidenza del Consiglio dei Ministri n. 66452020: Ulteriori interventi urgenti di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;

Ultimo aggiornamento

07-03-2022 14:03

Questa pagina ti è stata utile?