Salta al contenuto

DAT - Dichiarazione Anticipata di Trattamento

Descrizione del procedimento:

La DAT, o Testamento di vita, è la dichiarazione anticipata dei trattamenti in merito alle terapie che una persona intende o non intende accettare nell'eventualità di trovarsi nell'impossibilità di esprimere il proprio volere a causa di patologie o lesioni invalidanti; indica altresì una persona di sua fiducia, di seguito denominata «fiduciario», che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.

Il fiduciario deve essere una persona maggiorenne e capace di intendere e di volere. L'accettazione della nomina da parte del fiduciario avviene attraverso la sottoscrizione delle DAT o con atto successivo, che è allegato alle DAT. Al fiduciario può essere rilasciata una copia della DAT. Il fiduciario può rinunciare alla nomina con atto scritto, che è comunicato al disponente.
L'incarico del fiduciario può essere revocato dal disponente in qualsiasi momento, con le stesse modalità previste per la nomina e senza obbligo di motivazione.

Nel caso in cui le DAT non contengano l'indicazione del fiduciario o questi vi abbia rinunciato o sia deceduto o sia divenuto incapace, le DAT mantengono efficacia in merito alle volonta' del disponente. In caso di necessita', il giudice tutelare provvede alla nomina di un amministratore di sostegno, ai sensi del capo I del titolo XII del libro I del codice civile. 

L'ufficiale di Stato Civile è legittimato a ricevere esclusivamente le DAT da disponente che abbia la propria residenza nel Comune e recanti la sua firma autografa. L'Ufficiale non partecipa alla redazione della disposizione né fornisce informazioni o avvisi in merito al contenuto della stessa, limitandosi a verificare i presupposti della consegna, con particolare riguardo all'identità ed alla residenza nel comune del disponente e a riceverla.

All'atto di consegna della domanda di deposito (mediante MODULO in allegato) della DAT, l'Ufficiale fornisce copia della stessa recante formale ricevuta, con l'indicazione dei dati anagrafici dello stesso, del o degli eventuali fiduciari, data, firma e timbro dell'ufficio.

Dal 01/02/2020 è stata istituita la Banca Dati Nazionale delle DAT, destinata alla registrazione delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT) nella quale le stesse verranno conferite, comprese quelle nel frattempo già presentate.

Gli Uffici di Stato Civile dei Comuni e gli Uffici Consolari italiani all'estero trasmettono le stesse alla Banca dati nazionale allegando copia della DAT se il disponente ha fornito il consenso alla sua trasmissione. Potranno accedere ai servizi di consultazione delle DAT registrate alla Banca Nazionale, attraverso autenticazione SPID o CNS, il disponente ed il fiduciario, se nominato, nonchè il medico che ha in cura il disponente in situazioni di incapacità di autodeterminarsi e che sia chiamato ad effettuare accertamenti diagnostici, scelte terapeutiche o eseguire trattamenti sanitari sul disponente.

A chi si rivolge

Ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un'eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte.

Accedere al servizio

Come si fa

Modalità di Attivazione:
A domanda

Come si richiede:
Le Dichiarazioni - redatte per atto pubblico o per scrittura privata autenticata oppure per scrittura privata- vengono consegnate personalmente dall'interessato presso l'ufficio dello Stato Civile del Comune di residenza unitamente al modello di presentazione in allegato

Dove rivolgersi

Per informazioni telefonare all'Ufficio oppure chiedi un appuntamento all'URP al numero di telefono 0522 655417

Cosa serve

Requisiti Richiesti:
Sia il disponente che il fiduciario devono essere maggiorenni e capaci di intendere e volere.
L'ufficiale di Stato Civile è legittimato a ricevere le D.A.T. dal disponente che abbia fissato la propria residenza nel Comune.

Costi e vincoli

Costi

Nessuno

Tempi e scadenze

Registrazione immediata

Modulistica

Ulteriori informazioni

Riferimenti legislativi (Normativa):
- Legge 22 dicembre 2017, n. 219 "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento" - Circolare n. 1/2018 - Legge 22 dicembre 2017, n. 219, recante "Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento". GDPR 2016/679 per il Trattamento dei dati personali; Decreto n. 168 del 10/12/2019 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17/01/2020, disciplina e modalità di registrazione delle DAT nella Banca dati nazionale; - Articolo 32 della Costituzione: "Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di Legge". - Articolo 34 del Codice di Deontologia Medica: "Il medico, se il paziente non è in grado di esprimere la propria volontà in caso di grave pericolo di vita, non può non tener conto di quanto precedentemente manifestato dallo stesso".

Ultimo aggiornamento

30-06-2022 10:06

Questa pagina ti è stata utile?