Salta al contenuto

Scioglimento unione civile innanzi all'Ufficiale dello Stato Civile con assistenza legale art. 6 L.162/2014

Argomenti
Famiglia

Descrizione del procedimento:
Scioglimento dell’Unione su istanza: ovvero convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati per le soluzioni consensuali di scioglimento dell’Unione (art 12 legge 162/2014 applicabile anche alla Unioni) o modifica delle condizioni

Note: L’unione civile si scioglie, inoltre, quando le parti hanno manifestato anche disgiuntamente la volontà di scioglimento dinanzi all’ufficiale dello stato civile.

In tale ultimo caso la domanda di scioglimento dell’unione civile è proposta decorsi tre mesi dalla data della manifestazione di volontà di scioglimento dell’unione.

Si applicano per tale ipotesi di scioglimento, in quanto compatibili,

  • alcune delle disposizioni della legge sul divorzio (gli articoli 4, 5, primo comma, e dal quinto all’undicesimo comma, 8, 9, 9-bis, 10, 12-bis, 12-ter, 12-quater, 12-quinquies e 12-sexies della legge 1° dicembre 1970, n. 898), nonché
  • le disposizioni sui procedimenti in materia di famiglia e di stato delle persone di cui al Titolo II del libro quarto del Codice di procedura civile
  • e le disposizioni in materia di negoziazione assistita da avvocati in ambito familiare nonché di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di divorzio innanzi all’ufficiale dello stato civile di cui agli articoli 6 e 12 del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, convertito, con modificazioni, dalla legge 10 novembre 2014, n. 162.

Infine, la sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso determina lo scioglimento dell’unione civile tra persone dello stesso sesso.

Cos'è:
E' un procedimento consensuale di scioglimento dell’unione civile - oppure di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio - tramite convenzione di negoziazione assistita davanti ad avvocati nominati dagli uniti.

A chi si rivolge

Chi può presentare

Le persone unite civilmente tramite i propri avvocati

Accedere al servizio

Come si fa

Modalità di Attivazione:
A domanda

Come si richiede:
L'invio all'Ufficio di Stato Civile delle convenzioni deve essere curata dagli avvocati che hanno prestato assistenza ai coniugi. La circolare n° 6 del 24 Aprile 2015 del Ministero dell'Interno ha previsto l'invio della documentazione a cura di un solo avvocato che abbia assistito uno dei coniugi ed autenticato la sottoscrizione.
Ogni avvocato, coinvolto nella negoziazione assistita, deve inviare all'ufficio dello stato civile una copia della convenzione, riprodotta tramite scanner e accompagnata da una sua dichiarazione che attesti che tale copia è relativa all'originale cartaceo (usare formato pdf firmato digitalmente).
In caso di convenzione di divorzio gli avvocati dovranno inviare copia conforme rilasciata dalla cancelleria del tribunale della sentenza di separazione giudiziale o del decreto di omologa di separazione o l'originale dell'accordo di separazione ex articolo 6 della legge 162/2014. Questa deve essere inclusa nel file che contiene la convenzione firmata digitalmente.
E' consigliabile a tale riguardo che la trasmissione venga effettuata mediante un'unica nota sottoscritta da entrambi gli avvocati, oppure che nella convenzione di negoziazione assistita sia indicato che un avvocato conferisce mandato all'altro avvocato affinché curi la trasmissione all'ufficiale di stato civile.
La trasmissione può avvenire a mano, per posta raccomandata con ricevuta di ritorno o tramite PEC (purché l'atto trasmesso sia firmato digitalmente).
Gli avvocati devono utilizzare per l'invio dell' accordo il loro indirizzo PEC e trasmetterlo all'indirizzo PEC del Comune di Novellara: novellara@cert.provincia.re.it
E' possibile il verificarsi delle seguenti situazioni in caso di "accordo autorizzato":
- che la trasmissione avvenga via PEC da un solo avvocato ma che la nota di trasmissione venga sottoscritta da entrambi gli avvocati;
- che la trasmissione avvenga via PEC da un solo avvocato ma che all'interno della convenzione di negoziazione l'altro avvocato DELEGHI il collega alla trasmissione del documento;
- che venga consegnata al protocollo o trasmessa via posta raccomandata con lettera di trasmissione sottoscritta da entrambi gli avvocati.

Cosa serve

Requisiti Richiesti:
La convenzione deve avere forma scritta a pena di nullità e deve essere accompagnata dalle certificazioni previste dalla norma.
La convenzione verrà trascritta nel registro di stato civile entro 30 giorni dal ricevimento.
I 30 giorni decorrono dalla data di arrivo dell'ultima pec contenente l'accordo. Agli avvocati verrà inviato, al loro indirizzo pec, conferma della trascrizione.
Ai fini di una corretta trascrizione è necessario che gli avvocati indichino all'Ufficiale di stato civile le loro generalità (nome, cognome, luogo e data di nascita e codice fiscale) come richiesto dalla formula di trascrizione dettata dal decreto del Ministero dell'Interno del 9.12.2014, applicabile anche alle Unioni.
Per gli adempimenti successivi alla trascrizione l'Ufficiale di stato civile ha inoltre la necessità di ricevere le complete generalità dei coniugi (nome, cognome, luogo e data di nascita, residenza, cittadinanza e codice fiscale).

Documenti da presentare:
Le convenzioni devono essere in copia autentica e complete delle certificazioni di cui all'art. 5, come recita l'art. 6 comma 3 del D.l. 132/2014. Ricevuta la convenzione di negoziazione assistita, l'ufficiale di stato civile dovrà trascriverla nei registri di stato civile e procedere con le annotazioni sull'atto di Unione e di nascita, inoltre darà apposita comunicazione all'ufficio anagrafe del comune di residenza degli uniti per l'aggiornamento dello stato civile.

Tempi e scadenze

30 gg. dal ricevimento della convenzione di negoziazione con comunicazione entro 3 giorni dalla registrazione dell'atto, agli ufficiali d'anagrafe dei comuni di residenza

Ulteriori informazioni

Riferimenti legislativi (Normativa):
Art. 6 D.L. 132/2014 - convertito il L. 162/2014 D. Lgs. 322/89 Delibera G.C. 24/2015 L. 6 /2014 Circolare 19/2014 del Ministro dell'Interno Circolare n° 6 del 24 Aprile 2015 del Ministero dell'Interno Circolare n. 17/2015 prot. 875 Legge 76/2016 Decreto Ministero Interno del 27.2/2017

Rapporti con Enti Esterni:
A seguito della trascrizione della convenzione e delle annotazioni, l’ufficiale di Stati Civile effettuerà le dovute comunicazioni all’autorità giudiziaria ed agli avvocati di parte.

Ultimo aggiornamento

02-03-2022 09:03

Questa pagina ti è stata utile?